Gli ultras del Frosinone ricordano Benedetta Quadrozzi
Views: 108
0 0
Read Time:52 Second

Morire a 18 anni è terribile e lo è ancor di più se accade si sta facendo sport. E’ purtoppo quanto accaduto a Benedetta Quadrozzi, 18enne, originaria di Alatri e residente a Frosinone.

La ragazza, mentre stava giocando su un campo da tennis del capoluogo ciociaro, si è improvvisamente accasciata al suo, subito soccorsa dal suo allenatore, che le ha praticato un massaggio.

Trasporta prima all’ospedale Spaziani di Frosinone e poi trasferita a Roma, è purtroppo deceduta.

I genitori hanno donato i suoi organi che consentiranno di vivere ad altre persone.

Ieri, durante il primo tempo della parita Frosinone-Cagliari, la curva nord, cuore del tifo gialloazzurro, ha voluto ricordare Benedetta e per alcuni minuti è stato issato ed esposto un striscione che riportava: “NON PUO’ FINIRE COSI’, UNA VITA APPENA INIZIATA. CIAO BENDETTA. SARAI SEMPRE RICORDATA!”

Un gesto nobile quello manifestato dagli ultras del Frosinone, dove i tifosi in genere rappresentano la parta sana del calcio, anche, troppo spesso ciò non viene affatto considerato.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
(Visited 114 times, 1 visits today)

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: